Serata evento sabato 31 luglio nello storico teatro della danza di Roma alla presenza dell’autrice Ileana Speziale, del regista Alfonso Paganini, del coreografo Kristian Cellini, dell’artist manager Antonio Desiderio e della conduttrice Miriam Galanti.

Il percorso di Sedotta e Sclerata, intenso romanzo realizzato da Ileana Speziale in cui la sua Emily si ritrova ad affrontare la sclerosi multipla esattamente come la sua creatrice, si prepara a vivere una nuova entusiasmante tappa con “Sedotta e Sclerata Ballet” già ammirato in una speciale preview nell’ambito de Festival Uefa Euro 2020 lo scorso 1 luglio in Piazza del Popolo. La serata evento che andrà in scena il prossimo 31 luglio al Teatro Vascello di Roma è stata presentata questa mattina in una conferenza stampa alla presenza di tutti coloro che hanno reso possibile questo sogno di Ileana: il regista Alfonso Paganini, il coreografo Kristian Cellini, l’artista manager Antonio Desiderio e la meravigliosa presentatrice della serata Miriam Galanti. Presente anche per un saluto in rappresentanza di AISM Luciano Pollice.

L’autrice è riuscita a stento a mantenere l’emozione: “Dopo aver realizzato il sogno di scrivere il romanzo Sedotta e sclerata oggi alziamo l’asticella e siamo qui per presentare Sedotta e sclerata ballet. Sono sicura che tutti i nostri spettatori verranno travolti in un vortice di emozioni e ammaliati dal passionale mondo di Emily, un mondo fatto di coraggio e di resilienza proprio come la mia esperienza personale! Sono felice di continuare a viaggiare verso i sogni ed oltre insieme a professionisti di fama internazionale, oggi diventati grandi amici!”.

Ho conosciuto Ileana a uno spettacolo, lei parlava in modo tranquillo con tutti e ci ha confessato di essere malata da sclerosi multipla. Ci siamo rivisti al Campidoglio e guardando sullo schermo il suo libro ho pensato si dovesse fare un balletto perché ho fatto questo lavoro per 41 anni”, ha spiegato l’ex storico partner della divina Carla Fracci (ricordata affettuosamente tra gli applausi dei presenti) e primo ballerino del Teatro dell’Opera Di Roma, che ha poi continuato: “Ho pensato di essere troppo classico rispetto a quanto andava portato in scena  e ho pensato a Kristian Cellini. Lui a mio avviso ha fatto un capolavoro. Io ho dato solo delle idee lasciando carta bianca alla sua sensibilità per quanto concerne le coreografie. Tante persone si sono commosse già alle prove. Uno spettacolo per tutti, sia grandi che piccini e cercheremo di mostrare alle scuole nell mio teatro Paganini”.

Kristian Cellini è un coreografo di fama internazionale, famoso per i suoi lavori in tutto il mondo e per collaborazioni di lunga data come quelle per i concerti di Andrea Bocelli al Teatro del Silenzio di Lajatico : “Ho lavorato su quattro momenti, non è una coreografia descrittiva del romanzo e abbiamo solo dieci danzatori. C’è l’amicizia, l’amore e la scoperta della malattia. Finisce con gioia, non vuole essere uno spettacolo di dolore. Speriamo di essere riusciti a realizzare qualcosa di bello. La forza di vivere oltre la malattia di Ileana è bellissimo. Più che concentrarmi sulla malattia mi sono concetrato più sulla sua voglia di vivere che sul prendere la malattia di petto. Emily è una ragazza normale che non si limita, dall’amicizia al sesso. Voglio ringraziare la mia amica Barbara De Rossi che ha prestato la voce a questo progetto. Si sono presentati più di 500 danzatori ad ottobre per le audizioni, ma abbiamo perso il lavoro perché comunque ci hanno chiuso e ora abbiamo dovuto prendere altri ragazzi. Sono giovani e vogliono affrontare un argomento così delicato. Sono tutti bravi e volenterosi. Le musiche originali di Stefano Simmaco realizzate per questo spettacolo sono state fatte già da prima del Lockdown, è stato un lavoro di mesi”.

Per realizzare un show c’è bisogno di grandi personalità e di talento, proprio quello che ha portato l’artist manager internazionale Antonio Desiderio coinvolto a 360º nel progetto: “I ragazzi che vedrete hanno grande talento e hanno superato una dura selezione. È bellissimo per me aver sposato questo progetto e aver scoperto in Ileana una nuova amica. Sono orgoglioso di quanto siamo riusciti a realizzare tra mille difficoltà ed in un periodo di covid. Ci tengo a sottolineare che avremo più di 150 spettatori e rispetteremo le norme di sicurezza, perché la cultura merita di ripartire dando degli spot con esempi positivi a differenza di altre manifestazioni di massa che abbiamo visto questa estate”, un aspetto poi ripreso da Cellini: “Su 300 mila presenze c’è stato secondo quando riportato da AGIS solo 1 contagiato lo scorso anno, ma il nostro settore continua ad essere il più penalizzato. Sedotta e Sclerata Ballet vuole essere un auspicio di rinascita per la bellezza dell’arte”.
Nello spettacolo, della durata di poco più di 60’ si esibiranno dieci ballerini accompagnati dalla musica originale di Stefano Simmaco e dalla voce narrante di Barbara De Rossi. Lo spettacolo, preceduto da un aperitivo offerto dal Cantina Casale del Giglio, realizzato in collaborazione con la Regione Lazio, AIES, AISM e Libera Civitas vedrà la partecipazione del presidente nazionale di AISM Francesco Vacca, di rappresentanti delle istituzioni della Regione Lazio e di Roma Capitale, oltre a tanti personaggi del mondo dello spettacolo.