Finalmente l’agevolazione del bonus carta introdotta dal “Decreto Rilancio” è divenuta realtà, in quanto accessibile a coloro che ne hanno diritto. L’Agenzia delle Entrate oltre ad aver istituito questo bonus, con la risoluzione n. 19/E del 22 aprile del 2022, fornisce anche le istruzioni per effettuare la corretta compilazione del modello F24 funzionale a tale richiesta.

Alle imprese editrici di quotidiani e di periodici, che sono iscritte nel registro degli operatori della comunicazione è riconosciuto un bonus carta, purché abbiano presentato la domanda per fruire di tale bonus entro il 31 gennaio del 2022.

Il suddetto bonus è stato introdotto con l’art. 188 del DL n. 34 del 2022 e consiste, in sostanza, in un credito d’imposta pari al 10% delle spese finalizzate all’acquisto della carta utilizzata per la stampa delle testate edite, che sono state sostenute durante il 2019, inoltre, il DL Sostegni bis, in riferimento ai costi sostenuti nel 2020, ha confermato tale misura per il 2021.Con la risoluzione del 22 aprile del 2022 è stato istituito il codice 6974 da indicare all’interno del modello F24, tramite il quale si potrà presentare la domanda all’interno dei servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, per ricevere il credito d’imposta in compensazione.

Nell’area riservata del portale dell’Agenzia delle Entrate sarà possibile verificare gli importi del credito d’imposta che spettano alle imprese editrici che hanno fatto richiesta del beneficio del bonus carta.

La compilazione del modello F24 prevede l’inserimento dell’anno a cui si riferisce il credito, che spetta di diritto, nel campo “anno di riferimento” e l’inserimento del codice 6974 all’interno della sezione “Erario” come di seguito riportato:

  • nella colonna “importi a credito compensati”;
  • oppure nella colonna “importi a debito versati”, nell’eventualità in cui il contribuente debba procedere al riversamento dell’agevolazione.

Secondo quanto stabilisce la stessa Agenzia delle Entrate, coloro che presenteranno la domanda per ricevere il bonus carta dovranno rispettare tassativamente le seguenti regole, che testualmente riporto di seguito:

“Ai sensi del punto 6 della circolare del 14 dicembre 2021, l’Agenzia delle entrate, in fase di elaborazione dei modelli F24 presentati dai contribuenti, verifica che i contribuenti stessi siano presenti nell’elenco dei beneficiari trasmesso dal Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei ministri e che l’ammontare del credito d’imposta utilizzato in compensazione non ecceda l’importo indicato in tale elenco, pena lo scarto del modello F24, tenendo conto anche delle eventuali variazioni e revoche successivamente trasmesse dal citato Dipartimento”.