Roma che parte a mille con Abraham che dopo neppure 60 secondi riesce ad approfittare di un regalo della difesa atalantina dopo la bellissima palla in profondità di Zaniolo per segnare con un rimpallo il gol dello 0-1. Roma brillante e partita fatta di tanti duelli in cui anche l’Atalanta si fa valere, ma l’uomo in più nonostante un giallo evitabile è proprio il 22 della Roma che sembra gradire molto il ruolo di spalla offensiva per Abraham. Veretout spreca una ghiotta opportunità su punizione per il raddoppio, ma la partita è più fisica che con vere e proprie occasioni offensive. Primo squillo dell’Atalanta al 16’ con Rui Patricio che rischia la paperissima seppur disturbato da Zapata perdendo una pala rinviata miracolosamente da Smalling. Free ed c’è l’Atalanta che al 20’ sfiora il gol con Djimsiti, sull’angolo successivo Rui Patricio blocca a terra sulla girata di Zapata.

Veretout orchestra un grande contropiede dando una grandissima palla a Zaniolo che con potenza resiste al ritorno di Djimsiti e con precisione batte sul primo palo Musso siglando il 0-2 per i capitolini, primo gol in campionato per il talento azzurro con grande esultanza anche per il suo mister Josè Mourinho. L’Atalanta non ci sta e Toloi sfrutta una gran palla di Ilicic per girare di prima sul primo palo ma da distanza ravvicinata si esalta l’estremo difensore portoghese. Gasperini al 33’ sorprende sostituendo proprio Djimsiti ed inserendo Muriel per provare a cambiare subito la partita passando alla difesa a 4. Proprio il brasiliano è fortunato a trovare la deviazione di Cristante su un tiro da fuori su cui poi Rui Patricio non può nulla svantaggio dimezzato. Le partite sono fatte di episodi e l’Atalanta nel secondo tempo, complice anche l’ingresso di Malinovsky la Dea riesce a premere fortissimo e trova anche il 2-2 in una situazione confusionaria: Zapata riesce a deviare (forse di braccio) e la palla sbatte su Cristante che nel goffo tentativo di anticipare Palomino la butta dentro da solo. Sembra l’inizio della fine per la Roma con un copione già scritto, ma il VAR segnala la posizione di fuorigioco attivo di Palomino e annulla la rete. Passata la paura la Roma si ritrova e prima con Smalling e poi con Abraham cala un poker da sogno con tanto di doppietta per il bomber inglese. Mourinho può esultare per quella che lui stesso definisce “La miglior Roma della stagione, ora non diranno più che non battiamo una big visto che non vinciamo da 22’”. Non c’è nulla da fare, quando in questa squadra gioca Smalling è tutta un’altra musica. Vero fuoriclasse imprescindibile di questa squadra che ora può rilanciarsi e chissà cambiare completamente la propria stagione.

Pagelle

Rui Patricio 7, Mancini 6,5, Smalling 8, Ibanez 6,5, Kardsorp 6,5, Veretout 7, Cristante 6, Mikytharian 7, Vina 7, Zaniolo 8 (dal 69 st Shomurodov 6,5), Abraham 8. All. Mourinho 8.