Iniziata alle prime ore dell’alba la prima delle giornate di mobilitazione nazionale contro l’imposizione governativa del lasciapassare verde sui luoghi di lavoro. Come ampiamente preannunciato, la protesta, partita dai portuali di Trieste dove tir e camion sono costretti a fare marcia indietro e a non poter caricare le merci, si amplia di ora in ora coinvolgendo milioni di lavoratori di diverse categorie.

I porti italiani che stanno attuando il blocco, oltre a quello di Trieste, sono Genova,dove un presidio di lavoratori sta bloccando le operazioni al varco Etiopia, Ancona, Napoli, La Spezia, Gioia Tauro, Ravenna.

Per la prima volta nella storia è stato programmato un sit in di protesta da parte dei militari dell’Aeronatica stanziati nella base di Sigonella. A Torino presidio degli operai Fiat.

Numerose sono anche le manifestazioni spontanee e non orgnizzate come quella andata in scena a Roma dove alcuni no pass questa mattina hanno tentato di bloccare il traffico in via Labicana, in pieno centro, mandando in tilit il traffico fino a quando non sono stati fermati dalle forze dell’ordine.

La giornata, dove si prevede anche una grande manifestazione al Circo Massimo, si preannuncia caldissima e, noi de La Tibuna di Roma, la seguiremo con estrema attenzione.