In questa video intervista Giuliano Castellino ripercorre alcuni momenti salienti dei fatti di piazza del 2020, in particolare di quel 9 ottobre che ha segnato l’inizio delle sue vicende carcerarie, tutt’oggi ancora in corso, che hanno contribuito a fargli maturare nuovi punti di vista. Possiamo così degustare un Castellino nuovo e più ponderato, distante dai comportamenti violenti ma fermo nei valori che lo hanno spinto ad agire. La sua analisi post elettorale, sui partiti che non sono riusciti a superare lo sbarramento, è in grado di offrire spunti di riflessione a un intero movimento, al momento disorientato e senza idee chiare riguardo le azioni di rappresentanza che deve intraprendere.

Paolo Miki D’Agostini