Si conclude con 1’54″95 e con l’ennesima medaglia d’oro ai campionati italiani di Riccione la splendida carriera di Federica Pellegrini.

Standing ovation e tanta commozione per la Divina che ha al suo attivo 58 medaglie internazionali.

“Ero sull’orlo di una crisi di nervi ma ho fatto rientrare le lacrime, è stato bello. Era giusto e importantissimo per me finire qua, in questo modo, e con la possibilità di avere la mia famiglia vicino”, ha detto Federica, aggiungendo “Grazie a tutti, a chi mi ha accompagnato e chi no. Sono stati 20 anni di nuoto e fatica. Ho amato follemente il nuoto e lo amo ancora, quello che mi mancherà di più sarà il gruppo, e quello che non mi mancherà sicuramente è la fatica dell’allenamento, a 33 anni ci sta. Voi non mollate mai, qualunque cosa vi dicano”.

Presente alla festa anche il presidente del CONI, Giovanni Malagò che, prima del tuffo vestito in piscina, ha detto :”Non bisogna prenderlo come un momento triste ma è il giusto riconoscimento alla sua carriera e a quanto ha fatto crescere tutto il movimento del nuoto”.

Anche sui social numerosissimi sono i messaggi di affetto.

“Il titolo olimpico, gli ori e i record mondiali, le cinque finali consecutive a cinque cerchi. Con i 200 sl in vasca corta degli Assoluti Invernali di Riccione si chiude la strabiliante carriera della Divina. Grazie di tutto Fede!”, si legge sul profilo twitter del Comitato Olimpico Nazionale.

Dal 17 agosto 2004 ad Atene, quando vinse il suo primo argento, ad oggi in Romagna dove “E’ così difficile dire addio – aveva detto la Pellegrini – ma a un certo punto è anche giusto prendere una decisione definitiva” è stata una lunga e meravigliosa cavalcata. Grazie Fede, come te nessuna mai !