1,94 cm di muscoli, ma anche precisione e tempi di gioco. Tutto questo è Nemanja Matic, nuovo centrocampista della Roma che nelle prossime settimane svolgerà le visite mediche e diventerà il primo colpo di mercato della seconda Roma di Josè Mourinho. Proprio il tecnico portoghese è stato decisivo per convincere il 34enne centrocampista svincolatosi dal Manchester United che firmerà un biennale da 3,5 milioni più bonus con il secondo anno legato alle presenze.

Matic nel fiore della carriera è stato un centrocampista tra i migliori nel suo ruolo, un regista dal piede preciso ma dalle lunghe leve in grado di garantire anche dinamismo tanto da riuscire a giocare prima col Chelsea e poi al Manchester United come titolare inamovibile. Proprio ai Red Devils lo aveva voluto Mourinho sborsando ben 45 milioni di euro e che per lui ha usato parole lusinghiere “È un genio”.

 Sicuramente il suo arrivo non è il colpo che scalda i tifosi, soprattutto per l’età ma va considerato un aspetto fondamentale: Matic ha giocato oltre 30 partite quest’anno con il Manchester United nonostante le difficoltà con il tecnico Ragnick ed in almeno il 70% di queste ha totalizzato più di 20’ in campo. Una buona media soprattutto che alla Roma andrà idealmente a ricoprire il ruolo dei vari Diawara, Darboe e Veretout che hanno visto molto poco il campo costringendo agli straordinari Cristante. La panchina della Roma è stata l’anello debole costringendo i titolarissimi spesso ad arrivare con il fiato corto, ecco perché Matic in ogni caso è un grande colpo che servirà anche ad aumentare il tasso di esperienza e mentalità vincente nella squadra.

Non sarà però l’unico colpo in entrata, specie se non si riuscirà a strappare per Sergio Oliveira un rinnovo del prestito o un riscatto a condizioni più vantaggiose. Il grande colpo a centrocampo potrebbe essere Frattesi, cresciuto nel vivaio giallorosso ed esploso nel Sassuolo che gli ha aperto anche le porte della nazionale. La valutazione è di oltre i 30 milioni, ma la Roma può usufruire di uno “sconto” del 30% in virtù del bonus che era stato stabilito al momento della cessione sulla futura rivendita. Il sostituto di Mkhitaryan per molti sarà il grande investimento della Roma, con la suggestione Dybala che si allontana e con la pista per Guedes che si rafforza sempre di più. Sembra poi concreta anche la possibilità che arrivi a parametro zero Isco, anche se non è da escludere un colpo a sorpresa nel pieno stile dei Friedkin che potrebbero portare nella Capitale Dries Mertens fresco di rottura con il Napoli che porterebbe qualità e gol al fianco di Tammy Abraham per una coppia d’attacco a costi contenuti ma dall’esplosività assicurata.