“Come ufficialmente comunicato ho firmato il decreto di scioglimento per indire nuove elezioni entro 70 giorni come previsto. Lo scioglimento anticipato del Parlamento è sempre l’ultimo atto. Il periodo non consente pause negli interventi indispensabili per contrastare la crisi economica e sociale e “aumento dell’inflazione”, ha detto il Capo dello Stato.
Il governo dimissionario, ha aggiunto, “incontra limitazioni nella sua attività”, ma “dispone” di strumenti “per intervenire sulle esigenze presenti e quelle che si presenteranno tra oggi e il nuovo governo”.

“La situazione politica ha condotto alla decisione di sciogliere le Camere: la discussione, il voto e le modalità con cui è stato espresso ieri hanno reso evidente il venire meno del sostegno del Parlamento al governo e l’assenza di prospettive di dare vita a nuova maggioranza, rendendo obbligatorio lo scioglimento delle Camere. Mi auguro che pur nell’intensa campagna elettorale vi sia da parte di tutti un contributo costruttivo nell’interesse dell’Italia. Il governo ha presentato le dimissioni. Nel prenderne atto ho ringraziato il presidente del Consiglio Mario Draghi e i ministri per l’impegno profuso in questi diciotto mesi”, ha concluso Mattarella.

(fonte: Agenzia Dire – www.dire.it)