La Galleria Incinque Open Art Monti in Roma, dal 12 al 14 marzo ospita un progetto cartografico polifonico dal titolo: “Cartae/osservare/pensare/raccontare” a cura di Monica Cecchini. In mostra saranno presenti le opere di sedici degli artisti (Bankeri, Alice Bruscoli, Cipstrega, Gioia Marchegiani, Gianluca Marasca, Valerio Muscella, Omino 71, Francesco Orazzini, Francesca Oro, Igea Paiano, Pax Paloscia, Marilena Pasini, Re Barbus, Barbara Sabbi, Giulia Sollai, Paola Valori e Valerio Paternesi) che hanno realizzato le quaranta carte : originali, stampe e in alcuni casi opere inedite.
La diversità di questo evento è che ad esporsi non saranno solo le opere in mostra, ma anche lo spettatore. Difatti il fruitore sarà chiamato a dar voce alle suggestioni, che oscillano fra fantasie e memorie, evocate dalle opere.
Il collettivo AE, ideatore della mostra, composto d Luisa Zambon, Giancarlo Chirico e Gianluca Maresca spiega: «Cartografia estetica è un dispositivo cognitivo per riformulare i codici narrativi e conoscitivi abituali, finzione e ricordo, fantasia e memoria, eco e suggestioni per riportare l’essere umano a confrontarsi non solo con il visibile, ma anche con l’invisibile. Il mondo dietro le nostre azioni. Il non detto, quello che la storia ha tranciato, ma che perduto non è e che dimora dentro di noi».
L’invito non è assistere, ma partecipare alla mostra, l’utente deve scegliere le carte che assomigliano alle proprie memorie o quelle che stravolgono le sue fantasie, con senso critico e/o impulsivo. Dopo questa esperienza chiunque vorrà potrà scrivere il proprio racconto che sarà messo in rete o condiviso nella pagina Facebook di Incinque Open Art Monti.
A causa della situazione Covid-19 è necessaria la prenotazione via mail: incinqueopenartmonti@gmail.com e gli orari della mostra sono il 12 marzo (inaugurazione) dalle 17 alle 20.30 mentre il 13 e 14 marzo dalle 15.30 alle 20.30