Come ogni anno, si avvicina il momento di presentare la dichiarazione dei redditi e di conseguenza si pone il problema di capire quali possano essere le spese detraibili o deducibili dalla dichiarazione del 730/2022.

Riguardo alle spese utilizzabili per ridurre l’imposta da pagare si può fruire della detrazione fiscale.

Invece, le spese che concorrono a determinare la riduzione del reddito complessivo su cui calcolare l’imposta dovuta sono deducibili.

Dopo questa introduzione, occorre approfondire con delle precisazioni, come ad esempio riguardo alle detrazioni, in quanto le spese detraibili al 19% sono soggette all’obbligo di tracciabilità e per questo motivo devono essere effettuate o con un versamento postale o con un versamento bancario, oppure con la carta bancomat, carta di credito o con PagoPa, fatta eccezione per le spese inerenti medicinali, prestazioni sanitarie in strutture private accreditate o pubbliche.

Quindi, per chiarire meglio quanto e cosa possa essere portato in detrazione o essere deducibile, riporto di seguito diversi schemi per una consultazione più funzionale.

SPESE SANITARIE DETRAIBILI AL 19%

Spese che vanno indicate nel Rigo E1 del Modello 730 con detrazione del 19% solo dell’importo che supera €129,11:

  • prestazioni rese da un medico generico (incluse quelle per visite e cure di medicina omeopatica)
  • acquisto di medicinali (anche omeopatici) da banco e con ricetta medica
  • prestazioni specialistiche
  • analisi, indagini radioscopiche, ricerche e applicazioni, terapie
  • prestazioni chirurgiche
  • ricoveri per degenze o collegati a interventi chirurgici
  • trapianto di organi
  • cure termali (escluse le spese di viaggio e soggiorno)
  • acquisto o affitto di dispositivi medici e attrezzature sanitarie (comprese le protesi sanitarie)
  • assistenza infermieristica e riabilitativa (per esempio, fisioterapia, kinesiterapia, laserterapia, eccetera)
  • prestazioni rese da personale in possesso della qualifica professionale di addetto all’assistenza di base o di operatore tecnico assistenziale esclusivamente dedicato all’assistenza diretta della persona
  • prestazioni rese da personale di coordinamento delle attività assistenziali di nucleo
  • prestazioni rese da personale con la qualifica di educatore professionale
  • prestazioni rese da personale qualificato addetto ad attività di animazione e di terapia occupazionale.

TUTTE LE ALTRE SPESE DETRAIBILI AL 19%

  • Spese sanitarie per familiari non a carico affetti da patologie esenti;
  • Spese sanitarie per persone con disabilità
  • Spese relative a beni soggetti a regime vincolistico
  • Spese veicoli per persone con disabilità
  • Erogazioni liberali per attività culturali ed artistiche
    Spese per l’acquisto di cani guida
  • Erogazioni liberali a favore di enti operanti nello spettacolo ”
  • Totale spese sanitarie per le quali è stata richiesta la rateizzazione nella precedente dichiarazione
  • Erogazioni liberali a favore di fondazioni operanti nel settore musicale
  • Interessi per mutui ipotecari per acquisto abitazione principale
  • Spese veterinarie
  • Interessi per mutui ipotecari per acquisto altri immobili
  • Spese sostenute per servizi di interpretariato dai soggetti riconosciuti sordi
  • Interessi per mutui contratti nel 1997 per recupero edilizio
  • Erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici di ogni ordine e grado
  • Interessi per mutui ipotecari per costruzione abitazione principale
  • Spese relative ai contributi versati per il riscatto degli anni di laurea dei familiari a carico
  • Interessi per prestiti o mutui agrari
  • Spese per asili nido
  • Spese per istruzione diverse da quelle universitarie
  • Erogazioni liberali al fondo per l’ammortamento di titoli di Stato
  • Spese per istruzione universitaria
  • Premi per assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni
  • Spese funebri
  • Premi per assicurazioni per tutela delle persone con disabilità grave
  • Spese per addetti all’assistenza personale
  • Premi per assicurazioni per rischio di non autosufficienza
  • Spese per attività sportive per ragazzi (palestre, piscine e altre strutture sportive)
  • Spese sostenute per l’acquisto di abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale
  • Spese per intermediazione immobiliare
  • Premi per assicurazioni per il rischio di eventi calamitosi
  • Spese per canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuori sede
  • Spese per minori o maggiorenni con DSA
  • Erogazioni liberali a favore delle popolazioni colpite da calamità pubbliche o eventi straordinari
  • Spese per iscrizione annuale o abbonamento AFAM per ragazzi
  • Erogazioni liberali alle società ed associazioni sportive dilettantistiche
  • Contributi associativi alle società di mutuo soccorso
  • Erogazioni liberali a favore della società di cultura Biennale di Venezia

SPESE DETRAIBILI OLTRE IL 19%

  • Erogazioni liberali a favore delle ONLUS (detrazione 26%);
  • Erogazioni liberali a favore dei partiti politici (detrazione 26%);
  • Erogazioni liberali in denaro o natura a favore delle ONLUS e APS (detrazione 30%)
  • Erogazioni liberali in denaro o natura a favore delle organizzazioni di volontariato (detrazione 35%)
  • Premi per rischio eventi calamitosi per assicurazioni stipulate contestualmente alla cessione del credito d’imposta relativo agli interventi sisma bonus al 110% ad un’impresa di assicurazione (detrazione 90%).

Con aggiunta delle spese rientranti nel bonus casa:

  • Superbonus 110%;
  • Rimozione delle barriere architettoniche;
  • Bonus Facciate;
  • Ristrutturazione (Bonus 50%) e risparmio energetico (Ecobonus 65%);
  • Bonus Verde;
  • Sismabonus;
  • Bonus mobili;

DETRAZIONI VARIABILI A SECONDA DEL REDDITO

SPESE DEDUCIBILI

  • contributi previdenziali e assistenziali obbligatori e volontari;
  • erogazioni liberali in favore degli enti non profit;
  • Assegno periodico corrisposto al coniuge;
  • Contributi per gli addetti ai servizi domestici e familiari;
  • Contributi ed erogazioni a favore di istituzioni religiose;
  • Spese mediche e di assistenza specifica per le persone con disabilità;
  • Contributi versati ai fondi integrativi del Servizio sanitario nazionale.