Il dramma familiare si è consumato a Cura di Vetralla, in provincia di Viterbo, dove un bambino di 10 anni è stato accoltellato alla gola ed ucciso dal padre, un polacco di 44 anni sul quale già pendeva un divieto di avvicinamento alla famiglia.

Stando alle prime ricostruzioni fatte dagli investigatori, l’uomo, trovato poi in una stanza della casa in stato di incoscienza, sarebbe fuggito da un ospedale romano dove era ricoverato per covid.

Secondo quando trapela, a ritrovare il bimbo, per il quale sono stati inutili tutti i soccorsi, sarebbe stata la madre intorno alle 15.30 del pomeriggio al suo rientro presso l’abitazione. I carabinieri, guidati dal colonnello Andrea Antonazzo, sono all’opera per capire l’esatta dinamica dei fatti.